L’Europa delle radio digitali è in rete: dalla Grecia all’Estonia tra musica e racconto

Da un progetto dell’Agenzia Nazionale Giovani è nato @euthradionetwork il network delle radio europee digitali per i ragazzi

Da un progetto dell’Agenzia Nazionale Giovani è nato @euthradionetwork il network delle radio europee digitali per i ragazzi

Una settimana per stare insieme. A distanza ravvicinata, non fisicamente s’intende in questo periodo di forzata lontananza in cui viaggiare è difficile se non proibito. Utilizzando uno strumento antico come la radio nella sua forma più innovativa, in digitale. Nasce così EuthRadioNetwork, progetto lanciato dall’Agenzia Nazionale Giovani attraverso lo Youth voice through a european digital radio.

ESPERIENZE CONDIVISE

Un progetto promosso promosso in collaborazione con le Agenzie di molti altri paesi, dalla Slovenia all’Estonia, dal Portogallo a Spagna e Croazia. E che si è appena concluso, con il risultato di porre le basi per far nascere quello che sarà il network delle radio europee digitali. Durante la settimana di lavoro, le organizzazioni giovanili che operano nel campo delle radio digitali hanno simulato una convention in una struttura ricettiva con tanto di meeting in sale hotel, ospitando grandi personaggi, e poi ancora visite live alle stazioni radiofoniche e anche un set Drum’n’bass.

IL PODCAST

Così tanti giovani di diversi paesi europei hanno potuto lavorare insieme e accrescere le loro competenze nell’ambito della digital radio. da tutto questo è nato un podcast realizzato da tre ragazze, Georgia per la Grecia, Veronica e Diletta per l’Italia, che contiene al suo interno il racconto delle impressioni e delle competenze acquisite al termine del corso di formazione e che si può ascoltare su @euthradionetwork e sui suoi canali Instagram e TikTok. La prossima fase a ottobre porterà nel network altre realtà con esperienza sul tema.

Total
64
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Anche l'Europa dice di no alla Super Lega dei top club: il bello del calcio sono le favole

Next Article

La Sapienza celebra Sofia Corradi: un dottorato di ricerca per la "mamma" di tutti gli Erasmus

Related Posts