Lecco: “15 scuole rimarranno al freddo”

termosifone

E’ il motivo per cui gli studenti hanno da sempre organizzato più scioperi in assoluto: la mancanza di riscaldamento nelle scuole.

La situazione della provincia di Lecco, però, adesso è sempre più critica e l’assessore provinciale ai Lavori pubblici, Stefano Simonetti, ha inviato al Ministero dell’Economia e a quello dell’Istruzione una lettera molto chiara.

“La situazione è gravissima perché i tagli hanno di fatto azzerato le disponibilità. Non parliamo di pochi soldi ma di un milione e 645mila euro più Iva. Nello specifico, si tratta di un milione e 420mila euro per le forniture di gas e combustibili, 110mila euro per le verifiche e le manutenzioni degli impianti e 115 mila per la manutenzione degli impianti sanitari. Insomma, parliamo di due milioni di euro totali e nelle casse c’è zero”, ha detto.

“I tagli fatti senza criterio del governo Monti stanno creando ripercussioni pesantissime e a breve mancheranno soldi anche per molti altri servizi  indispensabili ai cittadini”, ha aggiunto Simonetti, che sostiene che ben 15 scuole rimarranno al freddo, così come gli uffici della Provincia.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Facebook: addio privacy, arriva la nuova App di geolocalizzazione

Next Article

Atenei in emergenza, mancano 500 docenti

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.