Lavoro: meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato

Poco felici i dati emersi dall’indagine Excelsior di Unioncamere secondo cui sono meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato. Bye bye posto fisso, l’ultimo Bollettino su luglio-settembre, infatti, registra che dei 159 mila posti messi a disposizione solo il 19,8% è stabile.

Poco felici i dati emersi dall’indagine Excelsior di Unioncamere secondo cui sono meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato. Bye bye posto fisso, l’ultimo Bollettino su luglio-settembre, infatti, registra che dei 159 mila posti messi a disposizione solo il 19,8% è stabile.

Il dato avalla quanto già accaduto tra aprile e giugno. All’inizio del 2012 la percentuale di assunzioni a tempo indeterminato era decisamente più lta, ben tre posti su dieci erano sicuri. Nel dettaglio si evince che il 72,3% dei posti richiesti per luglio-settembre è a tempo determinato, gran parte di questi sono contratti stagionali; il 4,6% consiste in apprendistato ed il 3,3% da altre forme.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La fine del mondo? Tra 16 miliardi di anni

Next Article

Fundraiser a Madrid

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.