Lavoro: meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato

Poco felici i dati emersi dall’indagine Excelsior di Unioncamere secondo cui sono meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato. Bye bye posto fisso, l’ultimo Bollettino su luglio-settembre, infatti, registra che dei 159 mila posti messi a disposizione solo il 19,8% è stabile.

Poco felici i dati emersi dall’indagine Excelsior di Unioncamere secondo cui sono meno di due su dieci i contratti a tempo indeterminato. Bye bye posto fisso, l’ultimo Bollettino su luglio-settembre, infatti, registra che dei 159 mila posti messi a disposizione solo il 19,8% è stabile.

Il dato avalla quanto già accaduto tra aprile e giugno. All’inizio del 2012 la percentuale di assunzioni a tempo indeterminato era decisamente più lta, ben tre posti su dieci erano sicuri. Nel dettaglio si evince che il 72,3% dei posti richiesti per luglio-settembre è a tempo determinato, gran parte di questi sono contratti stagionali; il 4,6% consiste in apprendistato ed il 3,3% da altre forme.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La fine del mondo? Tra 16 miliardi di anni

Next Article

Fundraiser a Madrid

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.