Lavoro: le aziende italiane alla ricerca di profili in ambito tecnico

Quale scuola superiore scegliere dopo la scuola media? Sono solo 19 mila gli studenti che ogni anno scelgono un istituto tecnico come scuola secondaria di secondo grado. Eppure sono proprio i diplomati specializzati i più ricercati dalle aziende: la richiesta annua è di 20 mila neodiplomati, mentre l’offerta arriva appena a 5 mila. Anche i dati Indire confermano la facile spendibilità dei diplomi tecnici nel mondo del lavoro, l’80 % dei diplomati trova lavoro nel corso del primo anno dal conseguimento del diploma. Il 92% trova un impiego legato al proprio ambito di specializzazione.

I settori maggiormente richiesti sono quelli basati sulle competenze tecnologiche, informatiche, metalmeccaniche, chimico-farmaceutiche, alimentari e di moda. Le aziende italiane non riescono a trovare le professionalità richieste in numero sufficiente, mentre nel resto d’Europa la situazione è diversa. In Germania sono 800 mila gli iscritti agli ITS ogni anno, in Francia sono 200 mila. L’Italia basa la sua economia in gran parte sul settore manifatturiero, per questo se vuole restare competitiva deve poter contare sulle nuove generazioni.

É di questi giorni la prima fiera virtuale degli istituti tecnici superiori “ITS Pop Days”, organizzata da Confindustria, Umana e Indire. Gli scopi dell’evento sono: ampliare la platea di chi conosce le specificità di questo settore formativo e motivare ragazze e ragazzi ad intraprendere questa strada. Persino la pandemia, secondo Giovanni Brugnoli – vicepresidente per il Capitale Umano di Confindustria, non ha ridimensionato la domanda di tecnici specializzati.

Gli ITS offrono una formazione qualificata e grazie al loro collegamento con le aziende, anche tramite stage pre-diploma, forniscono notevoli opportunità occupazionali. Lo stesso piano nazionale di Ripresa e Resilienza destina 1,5 miliardi di euro in cinque anni per sviluppare questo percorso di studi.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi pilotati e inchieste della magistratura: "L'unica via è puntare sui migliori"

Next Article

Preside vieta i tacchi a spillo davanti alla scuola. "Troppe cadute, ci dobbiamo tutelare"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.