Lavorare per l'UE

L’Unione Europea bandisce un concorso per amministrativi e specialisti nei campi del Diritto, Economia e ICT

È aperta l’iscrizione al concorso per amministrativi e specialisti presso l’Unione Europea.
Si ricercano candidati nei seguenti campi:
1 Pubblica amministrazione Europea
2 Diritto
3 Economia
4 Audit
5 Information and Communication Technology (ICT)
Le condizioni generali includono:
– la cittadinanza di uno degli Stati Membri dell’Unione Europea
– il possesso dei pieni diritti di cittadinanza
– essere in regola con l’adempimento degli obblighi di leva
– soddisfare i requisiti relativi alla specifica posizione
Non è richiesta esperienza professionale, ma i candidati devono avere una buona conoscenza di una lingua ufficiale dell’Unione Europea e una discreta conoscenza di una seconda lingua tra inglese, francese e tedesco.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il bando pubblicato sull’Official Journal of the European Union.
Per effettuare la candidatura on-line andare sul sito https://www.eu-careers.eu/, e selezionare all’interno del riquadro “Procedure di selezione rivedute” la lingua (tra tedesco, inglese e francese) in cui si desidera effettuare la candidatura.
La scadenza per la presentazione delle domande è il 15 aprile 2010 alle ore 12 (ora di Bruxelles).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assistente Controlling in Lidl

Next Article

Racconti e progetti per sensibilizzare

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.