L’arte emergente si concentra in “Adrenalina”

È stata ufficialmente aperta oggi la prima edizione di “Adrenalina. L’arte emerge in nuove direzioni”, la rassegna internazionale, promossa dal Comune di Roma con Zètema Progetto Cultura, con l’obiettivo di far emergere nuovi artisti e linguaggi creativi.
La prima caratteristica di “Adrenalina” è la sua versatilità: pittura, scultura, fotografia, musica, video arte, danza contemporanea e computer grafica sono fusi insieme in un’unica grande iniziativa.
“Adrenalina” si tiene fino a sabato 21 marzo presso Mercato Ebraico del pesce in via San Teodoro 74 ad ingresso gratuito. In un susseguirsi di performance live e di esposizioni, saranno presentate le opere dei 52 artisti di diverse nazionalità selezionati per questa prima edizione.
Affainco all’arte “Adrenalina” vuole promuovere anche un importante messaggio di vita ai giovani che intende informare sugli effetti degli stupefacenti: l’adrenalina è l’unica sostanza naturale in grado di liberare la creatività mentre le altre sostanze servono solo a rovinare la vita. Operatori specializzati distribuiranno materiale informativo sulle droghe e la loro prevenzione ai visitatori.
Per conoscere gli artisti presenti, consultare il programma e per tutte le altre informazioni si può cliccare sul sito dell’iniziativa www.adrenalina.roma.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

“Notti galileiane” all’Università di Siena

Next Article

Il Tar del Lazio promuove Mussi, bocciatura per il "cervello mongolo"

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.