L’acqua del rubinetto è più sicura di quella imbottigliata

Pensavamo che nonostante  l’acqua in bottiglia costasse di più, almeno fosse più sicura di quella del rubinetto. Invece, questo mito è stato sfatato da alcuni ricercatori della Glasgow University che spiegano come l’acqua imbottigliata sia soggetta ad una varietà di test di sicurezza meno stringenti e conseguentemente ha una maggiore probabilità, rispetto all’acqua di rubinetto, di essere contaminata o di diventare sorgente d’infezione.

Secondo questo studio, mentre l’acqua del rubinetto e’ sottoposta ogni giorno a un regime ispettivo rigoroso, i produttori di acqua in bottiglia sono tenuti a effettuare test mensilmente alla fonte. E’ pur vero che l’acqua del rubinetto contiene tracce di cloro che prevengono dalla diffusione di batteri dannosi, ma quella  minerale a volte rimane, dopo l’apertura, in balia dei microrganismi, e non e’ detto che resti sterile e che si possa ancora bere. Paul Younger, autore del libro ”Water: All That Matters”, ha spiegato:”C’e’ una maggiore probabilità che si possa trovare qualcosa di nocivo nell’acqua in bottiglia piuttosto che in quella del rubinetto”.

Giovanna Padalino

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gravidanza, scoperta la molecola che minaccia l'embrione

Next Article

Noemi Letizia si laurea in psicologia

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".