“La scuola cattolica consente allo Stato di risparmiare”

scuola cattolica

Domenica prossima, a Bologna, si terrà un referendum consultivo sui finanziamenti pubblici alle scuole per l’infanzia private. Tra queste, vi sono quelle cattoliche.  Alcuni contestano il fatto che, secondo l’articolo 33 della Costituzione, la scuola cattolica comporti “oneri aggiuntivi per lo Stato”.

Don Guglielmo Malizia, professore presso l’Università salesiana nonché Direttore del Centro studi della scuola cattolica, ha dichiarato ad un giornalista di Ateleia: “E’ un’obiezione che dovrebbe essere valutata in base alla realtà dei fatti. A Bologna in particolare, ma in linea generale, la presenza della scuola cattolica consente allo Stato di risparmiare. Se, infatti, lo Stato dovesse provvedere ad assicurare posti nelle scuole per gli studenti che adesso frequentano gli istituti cattolici sarebbe costretto a spendere molto di più rispetto ai finanziamenti erogati alle scuole non statali”.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sempre più coppie non fanno sesso. Nel 70% dei casi è l'uomo a negarsi

Next Article

Studente entra in aula fingendosi venditore ambulante

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.