La rassegna stampa di venerdì 18 marzo

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Isee meno rigido per l’Università – Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha firmato il decreto per l’innalzamento delle soglie Isee e Ipse rispettivamente a 23 mila euro e 50 mila euro. Una misura che, a partire dal prossimo anno, dovrebbe consentire a quel 20% di studenti che quest’anno non hanno potuto usufruire delle borse di studio di ottenerle.
L’espresso – Saviano: “Scuola significa tempo libero” – Roberto Saviano propone la sua idea di scuola: aperta al territorio, equilibrata tra educazione e tempo libero, in accordo con l’etimologia della parola.
L’Unità – Odysseus, il servizio civile che pensa europeo – Presentato ieri il progetto che, affiancato ad Erasmus+, permetterebbe ai giovani tra i 18 e i 25 anni di svolgere il servizio civile in uno Stato membro dell’Unione europea.
La Repubblica – Laurea in agraria e tanta passione. Boom di giovani in agricoltura – Uno dei pochi settori ad essere uscito col segno + dalla crisi finanziaria e lo deve soprattutto ai giovani: quasi 800 mila le nuove forse under 35 confluite nel settore agricoltura. La maggior parte sono ragazzi e ragazze qualificati con titoli di studio di alto profilo.
La Repubblica – La sfida dei rettori: “Genitori non venite agli open day con i figli” – L’appello di diversi rettori ai genitori delle future matricole perchè non accompagnino i figli durante le giornate di orientamento nelle Università. Stando a numerose ricerche, infatti, i ragazzi sarebbero influenzati dai loro genitori a compiere una scelta contraria ai loro interessi, aumentando così l’insoddisfazione durante il percorso universitario e il rischio di abbandono.
La Stampa – La mia storia di fuoricorso da 43 anni – La storia di quello che potrebbe essere il fuoricorso più longevo d’Italia in risposta alla decisione del Politecnico di Torino di espellere coloro che entro i primi due anni d’università non ottengono tutti i crediti del primo semestre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università di Pisa cerca "mangiatori di cioccolata" per progetto scientifico - salutare

Next Article

L'inverno dell'Università italiana: sette slide per spiegare i motivi di un declino che dura da oltre un decennio

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).