L'Università di Pisa cerca "mangiatori di cioccolata" per progetto scientifico – salutare

L’Università di Pisa cerca mangiatori di cioccolata: l’appello dell’Ateneo toscano nell’ambito del progetto “Toscolata”, una particolare crema di cioccolata a base di prodotti autoctoni che avrebbe benefici effetti sull’apparato cardiovascolare di soggetti a rischio.
Nello specifico, la ricerca è aperta a 15 soggetti tra i 35 e i 65 anni che possano ingerire regolarmente 40 grammi al giorno di Toscolata per due mesi con una sospensione di 15 giorni. I golosi volontari dovranno presentare almeno tre tra le condizioni di rischio vascolare al centro dello studio, ovvero: fumo, ipertensione, elevati livelli di colesterolo, sovrappeso o familiarità per malattie cardiovascolari.
La Toscolata è un progetto coordinato tra l’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree (IVALSA) del CNR, le Università di Siena e di Pisa e l’Istituto di Scienze della vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Finora ha coinvolto 30 soggetti e ne ricerca altri 15 per confermare i benefici effetti che il prodotto sembra possedere.
Chiunque volesse partecipare al progetto, può proporre la propria candidatura scrivendo alla dottoressa Rossella Di Stefano, presso la cardio angiologia dell’Ospedale Cisanello (email: [email protected]) oppure alla dottoressa Francesca Felice (email: [email protected]) o alla dottoressa Ester Belardinelli (email: [email protected]).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini firma nuovo ISEE. Gli studenti: "Vittoria, ma non basta"

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 18 marzo

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".