La rassegna stampa di mercoledì 09 dicembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Mattino – Giannini: “Togliere alle regioni la gestione delle borse di studio” – La lunga intervista del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini: inaccettabile lo scarto tra idonei e studenti che percepiscono la borsa, così il diritto allo studio viene negato proprio a chi ne ha maggiore bisogno.
Avvenire – Tempo pieno in forte crescita. A Milano in 9 su 10 – Uno studio svela le nuove abitudini di famiglie e studenti: si resta più tempo a scuola in quasi tutte le Regioni d’Italia. Lombardia in testa a questa speciale classifica, Sicilia in coda.
Il Secolo XIX – “Non regaliamo voti, recuperiamo gli emarginati” – Parla il presidente dell’associazione che riunisce le scuole paritarie liguri, in merito ai controlli disposti dal Miur nella lotta ai diplomifici.
Corriere adriatico – Blocco di classi e stipendi, l’Università non ci sta – Sono oltre 20 mila e provengono da 82 Atenei italiani, i docenti universitari che hanno firmato un documento con cui protestano contro la mancanza nella Legge di stabilità di una norma che sblocchi gli scatti stipendiali di settore.
La Stampa – Metti da parte MasterChef, ora sono “Pop” le provette – L’enorme attenzione mediatica intorno alla scienza e alle scoperte scientifiche può portare grandi opportunità, ma anche qualche rischio di sovraespoesizione.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Barbara Riccardi, l'unica italiana finalista nel Global Teacher Prize 2016

Next Article

10.000 di premio per la tua idea d'Europa

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"