La Rassegna stampa di lunedì 30 marzo

I giovani italiani sognano di partire e trovare lavoro all’interno dell’Unione Europea. Così La Stampa racconta il boom di domande dei nostri ragazzi che sempre più si rivolgono al portale europeo Eures per trovare un impiego oltre confine.
Ancora il giornale torinese sottolinea il fallimento, nei numeri anzitutto ma anche nella qualità delle offerte, del piano di rilancio dell’occupazione “Garanzia giovani”.
Il Corriere della Sera, nel supplemento Economia, riporta i dati della piattaforma U-Multiranking, uno strumento innovativo voluto dal Miur per misurare la qualità dei nostri Atenei e consentire ai futuri universitari di scegliere con sicurezza il loro futuro accademico.
Il Tempo, invece, riporta l’opinione di due assessori romani relativa al dibattito intorno al grosso investimento che il Comune di Roma Capitale sta affrontando per consentire la scolarizzazione di bambini di etnia rom.
Leggi e scarica la Rassegna stampa di oggi, lunedì 30 marzo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, durante la lezione crolla la lavagna

Next Article

Jovanotti professore universitario per un giorno

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.