La rassegna stampa di lunedì 19 ottobre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Stampa – 12 milioni di disoccupati alla ricerca di un posto nella Ue – Un sesto del totale, circa due milioni, vengono direttamente dall’Italia: è il popolo dei disoccupati nell’Unione europea.
Metro – Seimila insegnanti di educazione fisica – Lo ha annunciato il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone anticipando i numero della terza fase del piano assunzioni previsto dal decreto Legge La Buona Scuola.
Il Messaggero – Maker Faire, oltre 100 mila i visitatori – La fiera dell’innovazione si conferma come una delle più seguite dell’anno e colleziona migliaia di visitatori.
Il Messaggero – Il supplente trans divide i genitori e a scuola è polemica – Succede a Cervignano, in veneto, dove in cattedra sale regolarmente un supplente trans. La notizia ha provocato reazioni negative da parte di alcuni genitori che hanno minacciato di ritirare i propri figli da scuola.
Il Mattino – Campania, nuova allerto nel Sannio. A Benevento scuole chiuse – Maltempo e rischio di inondazioni faranno restare chiuse scuole e Università del Sannio, in Campania.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unicredit: borse di studio da 25.000 euro per studenti e ricercatori

Next Article

Edilizia scolastica, gli studenti: "Ancora un pasticcio dal governo"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.