Edilizia scolastica, gli studenti: "Ancora un pasticcio dal governo"

“A solo un anno dal piano di ristrutturazione degli edifici “Scuole belle, Scuole sicure”, il Governo Renzi appalta i finanziamenti per l’edilizia scolastica alla BEI, un ricatto economico- finanziario che denota una finta volontà di intervenire in questo ambito”– dichiara al Corriere dell’Università Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti “Ci chiediamo perché, se da un lato si annuncia l’edilizia scolastica come un problema prioritario, dall’altro si sceglie di rinviare questi investimenti facendo andando ad incrementare il debito pubblico.”
“E’ intollerabile che non ci sia una scala di priorità in relazione agli edifici più a rischio.”-continua Lampis “Il piano prevede, infatti, una programmazione triennale della quale i primi 1.300 interventi saranno finanziati per 905 milioni, tuttavia non si prende in considerazione l’anagrafe dell’edilizia scolastica stilata attraverso criteri oggettivi circa lo stato degli edifici.”
“Vogliamo, dunque, smascherare la retorica del Governo, il quale dichiara puntualmente interventi da milioni di euro che poi si rivelano un pasticcio non risolutivo.”- conclude l’Unione degli Studenti “Dopo anni di tagli ai fondi per l’istruzione e per l’edilizia noi oggi siamo in credito. Siamo in credito di risposte concrete e continueremo a mobilitarci per avere ciò che ci spetta, ora iniziamo a riscuotere.”
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 19 ottobre

Next Article

Miur, accreditati i 500 euro in più per i docenti. Ecco come utilizzarli

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.