La politica si fa sui social

Il voto sui social network conta più di quanto si possa immaginare. Il gruppo di studiosi guidati da James Fowler dell’Università della California, hanno dimostrato che la mobilitazione politica può essere molto più efficace se supportata da un buona opinione del popolo della rete.

Il voto sui social network conta più di quanto si possa immaginare. Il gruppo di studiosi guidati da James Fowler dell’Università della California, hanno dimostrato che la mobilitazione politica può essere molto più efficace se supportata da un buona opinione del popolo della rete.

La ricerca, pubblicata si Nature, ha preso in considerazione un campione di 61 mln di elettori americani, che hanno usato il social network Facebook durante le elezioni del Congresso nel 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Malasanità. Esercita per 24 anni senza laurea in medicina

Next Article

"Edifici più sicuri", flash mob per il primo giorno di scuola

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.