La Germania introduce il salario minimo: 8,50 euro l’ora. Tirocini e stage finalmente saranno ripagati. E in Italia?

Giovani e lavoro, il sogno resta il posto fisso

8 euro e 50 l’ora. E’ questo il salario minimo previsto in Germania. La legge, elaborata dal ministero del Lavoro guidato da Andrea Nakles, dovrebbe essere varata già entro l’estate per poi entrare in vigore dal 1° gennaio 2015.

Eppure il provvedimento ha provocato non poche polemiche nella terra tedesca. Diversi economisti, infatti, hanno segnalato il rischio di perdere centinaia di migliaia di posti di lavoro. L’accordo, però, raggiunto tra la coalizione dei conservatori guidata da Angela Merkel e quella dei socialdemocratici capeggiati da Sigmar Gabriel, prevede l’esclusione dal salario minimo per i disoccupati di lungo corso (coloro che non trovano lavoro, insomma, da più di un anno). La norma, però, varrà anche per i diciottenni e – soprattutto – per i tanti giovani praticanti nel periodo di formazione.

Secondo i primi calcoli da parte del governo la nuova norma riguarderà più di 3,7 milioni di lavoratori dipendenti. Il salario minimo, va precisato, esiste già in 21 dei 28 Stati membri dell’UE, ma ogni Stato lo applica con modalità diverse. In Bulgaria, ad esempio, la tariffa è di 1,04 euro l’ora. In Lussemburgo, invece, 11,10 euro.

La legge proposta dai socialdemocratici dovrà passare per il Bundestag, ma non dovrebbero esserci problemi per l’approvazione finale. La norma, comunque, rappresenta un passo rivoluzionario per un paese come la Germania, che ha sempre lasciato le parti sociali negoziare in autonomia i salari. In effetti anche la BDA, la Confindustria tedesca, aveva criticato la misura, ritenendola un freno al mercato del lavoro per i più deboli.

In Francia l’introduzione del salario minimo (Salaire minimum interprofessionnel de croissance, meglio noto come SMIC) è avvenuta nel 1950, con legge parlamentare. Al 2010 lo SMIC è di 8,86 € lordi all’ora.

Il salario minimo in Spagna è espresso in termini di unità monetarie per ora, può essere aumentato dalla contrattazione fra imprenditori e associazioni di categoria per settore di appartenenza, e il lavoratore può essere pagato al di sotto se si tratta di particolari contratti di formazione. Non si scende mai sotto i 20 euro al giorno.

Negli Stati Uniti, il salario minimo ammonta a 7,25 dollari per un’ora di lavoro, con variazioni possibili da parte di singoli Stati dell’Unione, mentre nel Regno Unito la paga è di 6,08 sterline per i lavoratori che hanno compiuto i 22 anni di età.

E in Italia? Anche se, secondo l’articolo 36 della Costituzione, il salario del lavoratore deve essere non solo proporzionato alla qualità e alla quantità del lavoro svolto, ma anche in grado di assicurare un minimo vitale per il lavoratore e per la sua famiglia, nel nostro Paese non esiste uno stipendio minimo per legge, quindi non c’è una legislazione specifica. Circa la metà dei lavoratori dipendenti è comunque coperta da un contratto collettivo nazionale, che definisce i minimi retributivi. Sono tanti i giovani che, causa l’assenza di una legislazione dettagliata e chiara, continuano ad essere “sfruttati” soprattutto durante stage e tirocini. Il governo Renzi, comunque, è al lavoro anche su questo punto.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ocse Pisa - Sono italiani e risolvono i problemi: il primato a sorpresa dei nostri studenti

Next Article

Uomini e donne sono diversi anche quando sognano

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.