Uomini e donne sono diversi anche quando sognano

uomini e donne

Uomini e donne sono diversi… anche quando dormono. La conferma arriva da una ricerca scientifica condotta dall’Università di Montreal, in Canada: guerre, terremoti e sparatorie sono gli incubi che affliggono il sonno dei maschi; litigi e discussioni con i familiari, le preoccupazioni che tartassano le notti delle femmine.

Lo studio è stato condotto su 572 persone invitate a redigere quotidianamente un diario in cui annotare i loro sogni e in particolare gli incubi: ne è emerso che gli uomini, quando hanno un “brutto sogno”, si trovano ad affrontare calamità naturali o conflitti bellici, mentre per le donne è più frequente il trovarsi a gestire problemi interpersonali, litigi con amici e familiari, incomprensioni.

Un retaggio culturale, spiegano i ricercatori canadesi, dal momento che i maschi si sentono maggiormente portati a difendere se stessi e il proprio nucleo familiare dalle insidie esterne, mentre le femmine sono spesso convinte che il loro compito sia di preservare la stabilità interna della famiglia.

Ancora, se gli uomini sognano spesso di visitare mondi immaginari o di volare, le donne si trovano di frequente ad affrontare aggressioni di animali feroci e talvolta immaginano di essere pedinate.

Lo studio mostra, però, anche alcune analogie tra l’attività onirica maschile e quella femminile: in particolare per quel che riguarda i sogni a sfondo sessuale che, tuttavia, ricorrono con maggiore frequenza negli uomini.

Una ricerca che, in realtà, non sorprende troppo: pochi mesi fa, infatti, un altro studio aveva evidenziato come i cervelli di uomini e donne funzionassero in maniera differente così che quello di lui fosse portato maggiormente per le attività fisiche e ad orientarsi nello spazio, mentre quello di lei avesse la capacità di svolgere più attività contemporaneamente e rendeva le donne più orientate al multitasking.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Germania introduce il salario minimo: 8,50 euro l'ora. Tirocini e stage finalmente saranno ripagati. E in Italia?

Next Article

Polemica Carrozza-Viesti, l’ex ministro furiosa su Twitter: “Calunnie nei miei confronti”

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.