La FAO mette a disposizione tirocini retribuiti per giovani neolaureati

tirocini retribuiti

La FAO offre tirocini retribuiti di 3 o 6 mesi per giovani laureandi o neolaureati in varie discipline. L’organo delle Nazioni Unite, specializzato nello sviluppo dell’agricoltura e dell’alimentazione in regioni disagiate, mette a disposizione ogni anno numerose borse di collaborazione per studenti e neolaureati.

I profili richiesti sono giovani al di sotto dei 30 anni, che abbiano già maturato alcune esperienze lavorative nei settori di competenza dell’Organizzazione e che siano neolaureati o stiano terminando il loro percorso di studi magistrali in una delle seguenti discipline: economia, scienze animali, scienze agronomiche, botanica e scienze del territorio, sociologia rurale, pesca, silvicoltura, coordinazione d’emergenza, possedimento fondiario, finanza, amministrazione, informatica, gestione delle risorse umane e altre aree,  sempre relazionate con il mandato dell’agenzia. Ulteriore requisito è l’ottima conoscenza della lingua inglese, oltre a una discreta conoscenza della lingua francese o spagnola. L’eventuale padronanza di un’altra lingua tra cinese, russo e arabo costituirà requisito preferenziale.

Sede principale del tirocinio sarà Roma, dove la FAO la sua sede centrale, ma sono messe a disposizione anche altre destinazioni in tutto il mondo. Tutti i tirocini sono retribuiti con un importo che può variare fino a un massimo di 700 dollari americani.

Un’opportunità per acquisire competenze e arricchire il proprio curriculum con un’esperienza all’interno di un grande organismo internazionale.

Le candidature sono aperte tutto l’anno, e diversi sono i periodi di attivazione dei tirocini. Per maggiori informazioni e per scaricare tutti i documenti necessari a completare la candidatura, consultate il sito della FAO dedicato alle Internships

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità di stage nella moda con Vogue Italia

Next Article

"Orari metro Salerno": due studenti realizzano l'App per muoversi in città

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.