"Jump in Bosch": giovani talenti con la valigia

jump.JPGLa lode non basta, bisogna essere pronti a fare le valige e dare disponibilità di trasferimento sia su territorio nazionale, sia nel mondo. Creatività, senso di responsabilità, flessibilità e passione unite a correttezza e apertura mentale: questa è per Bosch la descrizione di “un alto potenziale”, quella del candidato ideale per i programmi di inserimento e di sviluppo aziendali.
Parte così il programma “JUMP in Bosch” (Junior Managers Program) che permetterà a giovani talenti di creare un proprio programma di carriera all’interno dell’azienda. Sono previsti complessivamente 18 mesi di formazione: 6 mesi di training presso una delle sedi Bosch in Italia, altri 6 mesi in un’altra sede italiana con un ruolo differente, ma sempre nell’ambito delle proprie competenze. Il programma di training si conclude con gli ultimi 6 mesi all’estero. Al termine dei 18 mesi, si torna a lavorare presso la sede di Bosch in Italia dove ha avuto inizio il percorso con un contratto a tempo indeterminato.
“Questa è un’opportunità esclusiva per i giovani talenti. Innanzitutto avere la possibilità di fare un’esperienza all’interno di una multinazionale come Bosch e, in secondo luogo, questo programma permette di vivere nei 18 mesi ben 3 differenti esperienze aziendali, di cui una all’estero” commenta Roberto Zecchino, direttore risorse umane e organizzazione di Bosch in Italia.
Entro il 25 giugno 2008, i ragazzi possono inviare la propria candidatura accreditandosi al sito Internet www.bosch.it/jump. Requisiti fondamentali sono un ottimo inglese e se si parla anche il tedesco.
 I 30 selezionati, parteciperanno all’assessment che si svolgerà a Roma il 9 e 10 luglio prossimi. Saranno poi otto, quelli pronti alla firma del contratto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Harvard libera il sapere

Next Article

Mille giovani chirurghi in Congresso a Perugia

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.