Harvard libera il sapere

350px-harvard_u.jpgIl sapere di Harvard viaggia sul web. Da fine maggio i professori hanno deciso di mettere a disposizione su Internet i propri articoli scientifici. Un modo per fare in modo che possano attingervi un maggior numero di lettori e aggirare quindi i costi spesso proibitivi delle riviste scientifiche.
L’iniziativa è dei docenti della facoltà di Arts and Sciences e a raccogliere i loro lavori ed inserirli in Rete sarà una struttura creata ad hoc: l’Office for Scholarly Communication, creato dal direttore della University Library Robert Darnton.
Quella del college americano non è una novità assoluta, anche professori di altri istituti fanno lo stesso. Ma di nuovo c’è che Harvard si è dotata di un regolamento per regolare la pubblicazione online. I professori non saranno privati dei diritti sui loro lavori, potranno comunque pubblicarli su riviste scientifiche e di volta in volta saranno liberi di sottrarsi all’obbligo della libera diffusione.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ingegneri e manager nella produzione di elicotteri

Next Article

"Jump in Bosch": giovani talenti con la valigia

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".