Investe poliziotto davanti alla scuola elementare, poi domanda: “Ma che ci faceva in mezzo alla strada?”

investe poliziotto

Donna investe poliziotto davanti alla scuola – Investe il vigile che controllava l’ingresso dei bambini a scuola, poi scende dalla macchina e domanda all’agente: “Ma cosa ci faceva in mezzo alla strada?”.

La paradossale situazione si è verificata questa mattina, a Cuneo. L’agente della polizia era di servizio per garantire la sicurezza dei bambini delle scuole elementari di corso Soleri, quando una fiat 500 è sopraggiunta a forte velocità rischiando di investire un bambino. Immediata la reazione del poliziotto che si è gettato davanti l’auto per frenarne la corsa ma è stato investito riportando una ferita alla gamba.

L’autista del mezzo, una donna di circa cinquantanni, sarebbe poi scesa dal mezzo e avrebbe domandato irritata all’agente: “Ma cosa ci faceva in mezzo alla strada?”.

Nonostante il colpo subito il poliziotto non ha voluto essere trasportato all’ospedale mentre per l’incauta autista è arrivata una multa per investimento di pedone con tanto di 162 euro da pagare e decurtamento di otto punti della patente.

A commentare l’assurdità dell’accaduto è intervenuto il comandante della Polizia municipale, Stefania Bosio: “Che il rispetto delle regole sia diventato ormai argomento di pochi è palese, ma addirittura arrivare a dubitare che un agente della polizia locale, in divisa, in regolare servizio di vigilanza, con la priorità e la finalità di tutelare i piccoli, i bambini e di garantirne l’accesso a scuola in condizioni di sicurezza, possa stare in mezzo alla strada, è assolutamente paradossale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Con Europa Creativa l'UE scommette sulla cultura"

Next Article

Udu e Studenti medi: "La violenza sulle donne si combatte a scuola"

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.