Inv Factor: il concorso per giovani inventori promosso dal Cnr

Concorso Inv Factor per giovani inventori

Concorso Inv Factor per giovani inventori Un contest gratuito per valorizzare i migliori studenti italiani, dargli fiducia e visibilità. Dallo zaino antismog all’arpa a infrarossi, tutte invenzioni di ragazzi tra i 15 e i 19 anni

 

Lo zaino che elimina lo smog o la scrivania che ricarica lo smartphone senza bisogno di elettricità.

Sono due dei progetti presentati a Inv Factor 2013, il concorso riservato a giovani studenti-inventori promosso dal Cnr.

“Un’iniziativa che ha lo scopo di convogliare, stimolare e valorizzare le intuizioni ed energie creative dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni”, come si legge nel bando della competizione.

Un concorso completamente gratuito, che mira a intercettare e promuovere le migliori mente scientifiche del paese, ma anche a dare loro fiducia e visibilità.

Le opere presentate dovevano possedere requisiti di originalità, innovazione e alti contenuti scientifici, e i ragazzi hanno risposto in maniera adeguata.

Così è nato “Ricordati di me”, il seggiolino che segnala a chi guida la presenza del bambino quando si spegne il motore dell’auto; oppure “The Laser Harp”, un’arpa con raggi a infrarossi al posto delle tradizionali corde; o ancora “Barella F16”, che, con un sistema di rulli, aiuta lo spostamento dei pazienti da una barella all’altra; ma anche un nuovo materiale edile, leggero e antisismico, ottenuto con gli scarti delle cave o “Stark N1”, gli occhiali che sostituiscono il display di smartphone e tablet.

“Tutti i progetti dimostrano una notevole conoscenza tecnica – ha commentato la coordinatrice del concorso Rossella Palomba – le aziende italiane dovrebbero rendersi conto di quali competenze abbiamo nelle scuole e sfruttarle nel modo giusto”.

In attesa della premiazione finale, che si terrà a Roma, il 26 settembre, mettiamo a disposizione il regolamento di quest’ultima edizione di Inv Factor, così che qualche altro inventore in erba possa prepararsi alla prossima competizione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I cani sbadigliano insieme ai padroni

Next Article

Corriereuniv cerca una segretaria amministrativa ed un esperto marketing

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.