Integriamoci in città

“Il recupero delle diversità: identità e linguaggi multiculturali” in rassegna presso la Federico II di Napoli

Sono iniziate presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli studi di Napoli Federico II giornate di studio sul tema “Il recupero delle diversità: identità e linguaggi multiculturali”.
Organizzato dall’Istituto di ricerche sulle attività terziarie del Cnr di Napoli, l’evento è promosso in collaborazione con il Dottorato in Recupero edilizio e ambientale e il Dottorato in Sociologia e ricerca sociale dell’Università Federico II, il Centre d’Etudes de l’Ethnicité et des Migrations de la Université de Liège e la Caritas Diocesana di Napoli. L’iniziativa è tesa a creare un dibattito costruttivo tra architetti, urbanisti, sociologi, economisti e antropologi sul tema dell’integrazione tra i popoli nella città contemporanea e nello specifico in quella partenopea.
La società attuale spesso vive con disagio il suo essere plurietnica e ciò influisce sulla quotidianità dei cittadini e sulle loro relazioni interculturali. Attraverso un sopralluogo nelle zone di maggior disagio dei migranti nel centro storico di Napoli, programmato per oggi, si cercherà di tracciare uno spaccato dell’attuale realtà partenopea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Wep: borse di studio per i giovani abruzzesi

Next Article

La protesta dei lettori di madrelingua

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.