Il mese di nascita può influenzare il sistema immunitario

Schermata 2013-04-09 a 16.45.03

Il mese di nascita puo’ influire sul sistema immunitario: le difese dell’organismo sarebbero infatti piu’ forti, anche per quanto riguarda i livelli di vitamina D, nei nati in novembre e piu’ “vulnerabili” invece in caso di nascita a maggio. E’ quanto rivela una ricerca britannica, della Queen Mary University, dell’Universita’ di Londra e della Oxford University pubblicata sulla rivista Jama Neurology.

La ricerca si e’ soffermata in particolare sul maggiore rischio di sviluppare la sclerosi multipla, che e’ il risultato di un’influenza del sistema immunitario su quello nervoso centrale fino al punto di danneggiarlo. Sono stati analizzati campioni di sangue prelevati dal cordone ombelicale di 50 bambini nati a Londra nel mese di novembre e di altri 50 nati invece a maggio tra il 2009 e il 2010, guardando in particolare ai livelli di vitamina D e a quelli delle cellule T autoreattive, da cui dipende la risposta immunitaria dell’organismo.

La scoperta e’ che questi livelli erano molto diversi nei bambini nati in maggio rispetto a quelli nati in novembre: in particolare, i piccoli nati in primavera avevano livelli di vitamina D del 20% inferiori rispetto ai loro coetanei nati in autunno e dei livelli molto piu’ alti, quasi il doppio, di cellule T autoreattive, dimostrandosi quindi piu’ a rischio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dai funghi alle otiti, i rischi che si corrono in piscina

Next Article

Sorpreso a fumare sul treno, multa per Mario Balotelli

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale