Il giurista campano

Primo Career Day organizzato dalla facoltà di giurisprudenza del Suor Orsola Benincasa.

Incontrare direttamente i rappresentanti di aziende e studi legali al fine di costruire un giurista ad hoc per il territorio campano. Questo l’obiettivo principale del primo Career Day di facoltà organizzato dalla facoltà di giurisprudenza dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.
“Per una realtà economica diversa ci vuole una realtà giuridica diversa” ha spiegato Lucilla Gatt,responsabile dell’Ufficio JPGiuri. “L’adesione da parte delle istituzioni e delle aziende è stata forte e questo è molto importante perché i giuristi del futuro devono arrivare preparati ad affrontare le difficoltà che troveranno sul territorio campano” ha proseguito la professoressa evidenziando l’importanza del lobbying istituzionale che si è creato. Durante la mattinata di lavori molte strutture del mercato del lavoro come Education First, lo Studio Legale Imperiali e Legal Technology e l’Avvocatura Regionale, hanno tenuto presentazioni e colloqui per gli studenti interessati che hanno avuto la possibilità di rilasciare i propri curriculum vitae presso gli stand delle aziende.
Il Preside della Facoltà Franco Fichera ha poi aperto la tavola rotonda inviando un messaggio chiaro a tutti i colleghi con il compito di formare gli studenti: “Le università devono assumersi la responsabilità di trovare offerte concrete per i laureati: l’insegnamento è fondamentale ma avere buone prospettive future garantisce successi – ha continuato – il confronto diretto attraverso il servizio di job placement è basilare, con i curriculum inviati on line si ottiene ben poco”.
Il Vice Presidente dell’Unione Industriali di Napoli alla Formazione e ai rapporti Mario Mattioli ha spiegato che l’impegno tangibile da parte delle aziende e degli enti formatori si concretizza in un’istruzione tecnica e non solo pratica. “Una cultura di approccio sistemico è tutto ciò di cui si abbisogna, oggi nel mercato del lavoro è molto richiesta la capacità di orientarsi in ambiti specifici” ha poi affermato Mario Raffa, Assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli.
Molto schietto il Presidente Associazione Piccole e Medie Industrie di Napoli e Provincia Emilio Alfano che ha affermato: “I giovani per ottenere risultati devono formarsi su materie e temi che trovano interessanti”. E questo potrebbe senz’altro essere un ottimo messaggio: dare alle giovani generazioni le possibilità per affermarsi in un mondo che sentono proprio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un nido all’Università

Next Article

Notti prima degli esami: 6 in tutte le materie

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.