Il "gioco" della diplomazia

nazioniunite.gifCento studenti provenienti dai quattro angoli del pianeta stanno partecipando alla cinque giorni di simulazione dell’attività delle Nazioni Unite a Milano. Si tratta di un “gioco” ma fino ad un certo punto: i giovani, infatti, sono decisi a rendere l’esperienza il più realistica possibile. E molti di loro sognano una carriera diplomatica o un futuro nelle grandi organizzazioni internazionali. La manifestazione si chiama Milmun (Milan International Model United Nations) ed è giunta quest’anno alla sua terza edizione.
Le simulazioni delle attività degli organi e commissioni dell’Onu nascono nel 1953 all’Università di Oxford e da lì arrivano in Europa. In Italia «l’esempio con più tradizione e più consolidato siamo noi del Milmun», spiega Mirko Montuori, membro fondatore dell’associazione che organizza l’evento in collaborazione con l’ateneo Bocconi e l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale.
I cento studenti, selezionati su oltre 300 richieste arrivate da tutto il mondo sul sito dell’associazione, rappresentano un Paese diverso da quello di provenienza in uno dei quattro organi o comitati dell’Onu allestiti (Consiglio di Sicurezza, Consiglio Economico e Sociale, Consiglio per i Diritti Umani e il Comitato per la Sicurezza e il Disarmo) e per cinque giorni dovranno attenersi fedelmente alla linea ufficiale da esso tenuta nel contesto internazionale, comunicare solo in inglese e seguire tutte le regole che scandiscono i lavori nel Palazzo di Vetro.
A parlare di temi come il traffico e la violenza sulle donne, la situazione in Myanmar/Birmania, la lotta contro il narcotraffico e le pandemie, lo Stato fallito somalo o la riduzione delle spese militari, saranno ragazzi provenienti da 40 Nazioni e 30 Università diverse. Non mancano aspetti a dir poco particolari: Andy Cheong, un americano di origine taiwanese, rappresenta la Russia al Consiglio di Sicurezza, all’italiana Patrizia Ranzi spetta la Francia al Consiglio Economico e Sociale, mentre il turco Mehmet Burak Ozcan sarà un delegato greco.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna "boicotta" il filosofo Vattimo

Next Article

Lavoro in Fastweb anche senza esperienza

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".