Il fantasma di un grande atleta si aggira nello stadio di Roma Tre

Che l’attuale Stadio “Alfredo Berra”, oggi gestito da Roma Tre, si chiamasse in precedenza “Eucalipti”, lo sanno tutti. Che in quell’impianto si sia allenata parte della nazionale neozelandese di atletica leggera in vista delle Olimpiadi di Roma 1960, lo sanno in pochi. Che al “Berra” ancora aleggi il fantasma di Peter Snell, medaglia d’oro nel mezzofondo proprio in quell’edizione dei Giochi, non lo sa quasi nessuno.

Se ne parlerà venerdì 26 ottobre 2012 alle ore 10 in occasione di Alfredo Berra, il fantasma di Peter Snell e la leggenda degli Eucalipti, incontro organizzato dall’Ufficio Iniziative Sportive. Verranno svelati tutti i segreti di uno stadio unico nel suo genere, che ha portato un’enorme fortuna sportiva a chi ci si è allenato (2 medaglie d’oro e 1 di bronzo alle Olimpiadi) e sarà tratteggiata la figura di un organizzatore di eccezionale valore come Alfredo Berra, al quale l’impianto è oggi intitolato. Si parlerà infine delle leggende legate agli “Eucalipti”.

Il fantasma? Beh, non possiamo svelare tutto ora. Siate presenti al “Berra” la mattina di venerdì 26 e saprete anche questo.

 

Tra i relatori del dibattito,   Giorgio Lo Giudice (Gazzetta dello Sport), Vanni Lòriga (storico e giornalista). Modererà l’incontro  Valerio Piccioni (capo della redazione romana Gazzetta dello Sport e promotore della Corsa di Miguel).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso fotografico

Next Article

Laurea magistrale in Ingegneria al primo studente non vedente

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".