Laurea magistrale in Ingegneria al primo studente non vedente

Renzo Del Cont, 38 anni, e’ il primo studente non vedente a conseguire la laurea magistrale in Ingegneria, con tesi sperimentale. Iscrittosi all’Ateneo giuliano nel 1993-94, ancora normovedente, nel 2000 perde la vista a causa di una lesione del nervo ottico. Diventa massoterapista, conquista l’abilitazione presso il Coni e apre uno studio. Ma la passione per l’ingegneria rimane, e a ridarle voce sono i volontari del Centro del libro parlato di Feltre (Belluno), che grazie alla sede staccata di San Vito al Tagliamento (Pordenone) gli hanno fornito in forma audio i volumi specialistici, con un volontario, l’ing. Marzio Bossi, in grado di leggere opere scientifiche complesse. Nella tesi sperimentale – ”Modellazione matematica dei fenomeni di rilascio e assorbimento in vivo dei principi attivi cristallini, nano cristallini e amorfi” – Del Cont ha messo a punto un sistema matematico funzionale a verificare tramite pc l’effetto dei farmaci sul corpo umano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il fantasma di un grande atleta si aggira nello stadio di Roma Tre

Next Article

Lavorare al tempo della crisi oppure sponsorizzarsi su Facebook

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).