Il bullismo a scuola? In Trentino si combatte con i corsi di autodifesa (judo e karate compresi)

Presentato il progetto anti-bulli nelle scuole del Trentino grazie alla collaborazione tra il Coni e Fijlkam (Federazione italiana judo, lotta, karate, arti marziali). Così il “Metodo globale di autodifesa” (Mga) approda quindi entra nelle aule.

Combattere il bullismo a suon di autodifesa: è l’iniziativa messa in campo in Trentino dove sta per partire il progetto “Autodifesa a scuola“, rivolto alle ragazze e ai ragazzi degli istituti secondari di primo e secondo grado. È promosso da Coni, Fijlkam (Federazione italiana judo, lotta, karate, arti marziali) in collaborazione con il Dipartimento della conoscenza della Provincia autonoma di Trento.

Il Metodo globale di autodifesa (Mga) approda quindi nelle scuole trentine. Scopo del progetto è fornire agli studenti – secondo le caratteristiche di ciascuno – la conoscenza di se stessi, del vivere ed appartenere alla comunità, del fair play, di saper individuare la violenza e quindi su come evitarla e prevenirla, accrescendo autostima e sicurezza.

Il percorso proposto alle scuole implica il saper usare e coordinare il proprio corpo, imparare ad assumere atteggiamenti solidi, equilibrati e controllati che portano ad una crescita psicologica rendendo più sicuri di sé gli individui più miti, spesso vittime di atti di bullismo, e meno aggressivi gli individui violenti, favorendo maggiore consapevolezza della dignità propria e altrui.

“Le scuole sono il nostro miglior partner nella lotta alla violenza fisica e psicologica” ha osservato la presidente del Coni, Paola Mora. “Per raggiungere l’obiettivo di una scuola ‘bulli-free’ è necessario un patto fra scuole, famiglie, studenti e istituzioni, con l’effetto di garantire a tutti un percorso di vita il più possibile sereno” ha aggiunto l’assessore provinciale all’istruzione Mirko Bisesti.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bernini, "prima" da ministra a Tor Vergata: "Vi prometto che ce la metterò tutta"

Next Article

L'Inps parla ai giovani: "Spesso i ragazzi non conoscono obblighi e diritti del mondo lavorativo"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".