“Il 73 % dei giovani vuole andare via dall’Italia”

Bye Bye Italy
Bye Bye Italy – Il 59 per cento dei giovani studenti italiani e’ pronto a espatriare perche’ non vede nel futuro prospettive occupazionali in Italia. Lo ha affermato il delegato nazionale della Coldiretti Vittorio Sangiorgio sulla base di una indagine Coldiretti/Swg, da cui emerge che la volonta’ di lasciare l’Italia riguarda anche i giovani disoccupati (53 per cento) e coloro che hanno gia’ un lavoro (47 per cento) del quale evidentemente non sono soddisfatti.
Intervenendo all’undicesima giornata dell’economia, a latere della 137esima assemblea dei Presidenti delle Camere di commercio, Sangiorgio ha sottolineato che “si e’ rotto quel legame che ha unito intere generazioni di italiani al proprio territorio anche perche’ il 73 per cento dei giovani ritiene che l’Italia non possa offrire un futuro contro il 20 per cento che ha invece una visione positiva”.
“Un Paese come l’Italia che deve affrontare la crisi non puo’ correre il rischio di perdere a energie e risorse fondamentali per la crescita a causa dell’emigrazione e della disoccupazione, come confermano – ha sostenuto il delegato dei giovani della Coldiretti – i dati elaborati da Unioncamere sull’impatto positivo sull’economia nazionale da parte dei 3,8 milioni di occupati che producono il 17,2 per cento del Pil.
In un Paese vecchio come l’Italia dove la classe dirigente ha una eta’ media di 58 anni, la prospettiva di abbandono del Paese evocata dalla maggioranza dei giovani italiani e’ una vera priorita’ alla quale le istituzioni devono dare una risposta”, ha concluso Sangiorgio nel sottolineare che “l’analisi dimostra che, se inseriti in un contesto che offre spazio alla realizzazione personale, i giovani dimostrano di credere di piu’ all’Italia come indica il fatto che i risultati si invertono tra i giovani agricoltori che per la maggioranza relativa (45 per cento) pensa che l’Italia possa offrire un futuro”.
Total
0
Shares
1 comment
  1. cosa c’è di male a volersene andare? l’italica repubblica è morta, non ci sono speranze né prospettive. la crisi è ben lungi dall’essere finita … TUTT’ALTRO.

    è solo da ammirare chi ha la forza di andarsene e ha i miei auguri di trovare quanto qui non può più avere. in compenso si aprono le porte a extra-europei senza arte né parte buoni solo a delinquere

Lascia un commento
Previous Article

Gravidanza: l'età è un grande fattore di rischio. La ricerca conferma

Next Article

Alessandro Donati, arriva finalmente la laurea postuma dopo la tragedia di settembre

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.