Atenei promossi per ricerca e didattica, ma nelle classifiche…

univ

Le università italiane La Sapienza di Roma e l’Alma Mater di Bologna competono ad armi pari contro le sorelle straniere per quello che riguarda ricerca e didattica. Il dato positivo viene dai risultati delle classifiche stilate da due istituti importanti come l’agenzia internazionale Quacquarelli Simmons – QS e l’istituto di valutazione universitaria spangolo Webometrics, che hanno presentato i loro risultati nel corso di una conferenza sul posizionamento delle università italiane nelle graduatorie internazionali che si è svolta il 17 gennaio presso la facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza.

Analizzando parametri spesso diversi ma complementari, Webometrics e QS hanno tracciato un profilo di quelli che sono i punti di forza e le debolezze delle nostre università, in particolare La Sapienza, confrontate con quelle internazionali.

Webometrics focalizza la propria attenzione sui diversi campi dell’attività accademica (insegnamento, ricerca, competenze, rapporti con la comunità e internazionalizzazione) privilegiando però l’analisi della presenza sul web delle università, i link, i domain, la presenza sulle pagine web, la qualità dei contenuti e delle pubblicazione e le politiche di “open access”.

“L’incidenza internazionale della Sapienza è limitata e questo è davvero un problema – spiega Isidro F. Aguillo di Webometrics – La Sapienza eccelle nella ricerca ma non riesce a condividere queste informazioni e dovrebbe incrementare il numero di documenti condivisi sul web, ad esempio senza limitarsi alle tesi ma puntando sulle pubblicazioni scientifiche e su documenti firmati da suoi autori”.

Anche dal punto di vista di QS, che analizza le università partendo da quattro criteri fondamentali come la ricerca, l’insegnamento, l’occupabilità e l’internalizzazione, in Italia si fa dell’ottima ricerca ma il vero punto dolente è ancora una volta l’internalizzazione perché “le università italiane presentano eccellenze di tutto rispetto, riuscendo spesso a posizionarsi tra i primi 50 atenei quando si esce dal macro-dato e si va ad analizzare le singole aree di insegnamento”, come dice Dario Consoli di QS.

La presentazione dei ranking è stata seguita da una tavola rotonda alla quale hanno partecipato Dario Braga, prorettore alla Ricerca dell’Università di Bologna, Roberto Di Lauro, prorettore alla Ricerca dell’Università di Napoli Federico II e Giancarlo Ruocco, prorettore alla Ricerca della Sapienza, raggiunti nel finale dal rettore Luigi Frati.

Gli interventi hanno puntato l’attenzione sul problema dell’internalizzazione, ragionando su strategie e interventi che possano aiutare gli atenei italiani a migliorare, puntando anche a diventarsi maggiormente attraenti per gli studenti stranieri, ma non sono mancati riferimenti polemici e critici nei confronti di alcune modalità di analisi e valutazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Linee guida su tirocini formativi: conferenza Stato-Regioni

Next Article

Quando il posto ti fa credito

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.