Giornata contro la violenza sulle donne, un “Grido muto” per l’Iran

La clip del regista Mirco Bruzzesi è sponsorizzata dall’Anpi. Nel video viene cantata “Bella Ciao” in farsi

Un “grido muto” per ricordare non solo la situazione delle donne in Iran, ma anche per difendere la libertà di tutte le donne. In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebra il 25 novembre, il coordinamento donne dell’Anpi ha diffuso un video con “Bella Ciao” cantata in farsi.

La canzone è diventata uno dei simboli delle proteste a Teheran dopo l’uccisione di Mahsa Amini, morta in custodia dopo essere stata arrestata dalla polizia morale. Nel video dell’Anpi si vede un gruppo di donne che balla, cercando di interpretare tutta la drammaticità delle violenze in Iran e, più in generale nel mondo, contro le donne. Un “grido muto”, appunto. La clip è nata da un’idea della scuola di danza Cinzia Scuppa di Jesi in collaborazione con la Luna Dance Center di Ancona, con il patrocinio del Comune di Ancona, ed è stato realizzato dal regista Mirco Bruzzesi.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bufera sulla frase di Valditara: "Umiliazione serve per far crescere gli studenti". Poi il dietrofront: "Volevo dire umiltà"

Next Article

Concorso presidi pilotato, 13 funzionari del ministero dell’Istruzione indagati

Related Posts
Leggi di più

Bufera sulla frase di Valditara: “Umiliazione serve per far crescere gli studenti”. Poi il dietrofront: “Volevo dire umiltà”

Durante un intervento a Milano il ministro dell'Istruzione fa una considerazione sui lavori socialmente utili per gli studenti violenti: "Soltanto lavorando per la collettività, umiliandosi anche, di fronte ai suoi compagni, lui si prende la responsabilità dei propri atti". Dopo la pioggia di critiche la marcia indietro: "Vittima di un lapsus".