Giorgio Napolitano in visita alla Luiss il 20 settembre

giorgio napolitano

Giorgio Napolitano alla LuissIl Presidente della Repubblica interverrà all’incontro in memoria del magistrato Loris D’Ambrosio. In programma anche conferenze sul tema del rapporto tra potere legislativo e governo “criminale”

 

Giorgio Napolitano sarà alla Luiss, venerdì 20 Settembre. Il Presidente della Repubblica interverrà all’incontro di studio in memoria del Magistrato Loris D’Ambrosio, in programma presso l’Aula Magna Mario Arcelli dell’Università romana.

L’intervento di Napolitano è previsto per le 11.55, a seguito della conferenza dal titolo “l’impegno a servizio delle istituzioni, tenuta dal dott. Ernesto Lupo, Consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari dell’Amministrazione della Giustizia, già Primo Presidente della Corte di Cassazione.

Il Presidente della Repubblica ricorderà l’impegno di Loris D’Ambrosio in qualità di magistrato e il suo fondamentale apporto nelle indagini riguardanti l’eversione di destra e la cosiddetta strategia della tensione.

L’incontro verrà aperto da Emma Marcegaglia, presidente della LUISS, alle ore 11 e prevede, inoltre, alcuni interventi dei professori universitari sul tema dei rapporti tra potere legislativo e politica “criminale”.

Non è la prima volta che Giorgio Napolitano interviene ad un evento organizzato dalla Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma: il 18 novembre 2011 aveva presenziato alla Cerimonia di intitolazione della Fondazione Bruno Visentini, mentre il l’anno precedente aveva partecipato all’inaugurazione della Luiss School of Government.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Zanzare addio: scoperta la molecola che ci rende invisibili agli insetti

Next Article

Abolizione bonus maturità. Pioggia di ricorsi in arrivo

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".