Giannini: “Lo stipendio degli insegnanti? Una vergogna. Lo porteremo a 2.000 euro”

20140329_c2_giannini_stefania_2.jpg.pagespeed.ce.3P5MYfxNdT

Sa quanto guadagna un’insegnante in Francia? “Credo sui 2.800 euro, e lavora più che in Italia”. Sa quanto guadagna un docente di liceo in Italia? “Intorno ai 1.400 euro”. Giusto. “Questa è una vergogna. Così come per i ricercatori, che arrivano a 1.600 euro”. E per questa vergogna, quanto è disposta a puntare i piedi per raddoppiate lo stipendio ai futuri formatori degli italiani? “Raddoppiare mi sembra eccessivo. Ma arrivare almeno alla soglia dignitosa dei 2.000 euro mensili credo sia il minimo”.

Il ministro Giannini si è sbilanciata. E lo ha fatto in un’intervista a Tony Saccucci sull’edizione milanese di Metro. Il punto di partenza rimane lo stipendio degli insegnanti, che la Giannini definisce “vergognoso” per gli standard italiani. Così come quello dei ricercatori. Ma il discorso è chiaro: i premi verranno concessi solo a chi merita. “L’Italia è uno dei pochi Paesi del mondo avanzato che non ha un’obbligatoria formazione e aggiornamento per gli insegnanti. Una volta in ruolo sono soggetti all’usura delle conoscenze, come tutti coloro che hanno una preparazione finalizzata a un lavoro intellettuale. Senza formazione e aggiornamento – continua il Ministro – scolleghi il mondo della produzione del pensiero da quello della trasmissione del pensiero (perché questa è la funzione dell’insegnante), lasci la scuola nella sua complessità”. Insomma, la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti non possono essere lasciati ad una dimensione volontaristica.

Un preside, dunque, potrà avere la possibilità di licenziare gli insegnanti. “Non ho paura a parlare di licenziamento – ci tiene a precisare il ministro -, ma lo vedo come un provvedimento ultimo. Licenziare significa togliere la possibilità di migliorare. Invece, il preside deve essere un po’ come un allenatore: prende atto dei risultati e cerca il modo per migliorare. Se l’insegnante di italiano, ad esempio, è andato male, invece di fare il corso di aggiornamento di 3 ore lo farà di 5. Oppure, se un altro insegnante ha dimostrato che ha scarsa empatia perché gli studenti lamentano questo, bisognerà intervenire su quel lato”.

 

LEGGI ANCHE:

– L’intervista al ministro Giannini: “Premi di merito agli insegnanti e riforma dei Tfa. A breve la soluzione del caso Quota 96”

– L’annuncio del ministro Giannini: “Abolirò i concorsi universitari”

– “Così staneremo i baroni nelle università”. La rivoluzione (silenziosa?) del ministro Giannini

Total
0
Shares
1 comment
  1. Sarebbe una cosa molto opportuna solo nel caso in cui i primi ad essere valutati fossero i Presidi. Il male peggiore della scuola italiana. Reclutati male e arrivati quasi sempre grazie a manovre politiche e raccomandazioni. Finirebbero con l’agevolare la professoressa amante o il professore amico del figlio. Mi pare scontato.

Lascia un commento
Previous Article

Prof contro i quiz: la rivolta è globale

Next Article

Ocse: in Italia mancano 60mila infermieri, ma 25 mila neolaureati non trovano lavoro

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.