Gara di App tra studenti a Perugia

Schermata 2013-01-25 a 12.11.14

Due diverse applicazioni per IPhone con funzionalità simili, create da due studenti dell’Università di Perugia, si contendono il successo.

Le due app continuano a farsi concorrenza in maniera sfrenata e i due studenti si sfidano a colpi di video su YouTube e di post sui social network.

Il loro Ateneo, però, è fiero di entrambi: si chiamano Jacopo Mascioni e Marco Matteocci.

Il primo ha dato vita all’App “SOA- SegreterieOnApp”, il secondo ha creato “iUni – Segreteria on line Perugia”.
Nate a pochi mesi di distanza l’una dall’altra, le due app sono gratuite e disponibili su apple store.
Mentre iUni è disponibile per soli device iOS, SOA si trova invece anche in versione Android.

Sviluppati in maniera indipendente dall’Università, i due prodotti hanno ricevuto un grande successo e si propongono come esempio per gli altri istituti.

La scaricatissima app iUni mette a disposizione i dati della carriera universitaria, gli esami sostenuti e i pagamenti MAV effettuati.
Inoltre, consente di calcolare la media ponderata del voto di laurea e di visualizzare, grazie ad un grafico, la media dei voti.
SOA offre anche alcuni servizi aggiuntivi, come la prenotazione agli esami in alcune Facoltà e la possibilità di inviare per e mail delle autocertificazioni di carriera da utilizzare in attesa della consegna dei documenti ufficiali.
Statistiche e grafici consentono di tenere sott’occhio il proprio andamento e di registrare puntualmente i propri risultati accademici.
Sfrenata la promozione dei due prodotti sul web.
Mentre Matteocci si è affidato a facebook e ad un video diffuso via radio, Mascioni cura un blog e rivendica il suo primato, invitando gli utenti a diffidare dalle imitazioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ora le aziende invitano i dipendenti ad utilizzare i social

Next Article

Rinuncia al trapianto di rene per concederlo a chi ne aveva più bisogno

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale