Rinuncia al trapianto di rene per concederlo a chi ne aveva più bisogno

Schermata 2013-01-25 a 12.17.31

Sembra una storia possibile solo nella sceneggiature di un film ed invece questa è storia vera, di coraggio e altruismo.

È stato Don Fausto Frigerio, parroco di Varzo, provincia di Verbania, a rendere nota la storia di Walter Bevilacqua, pastore 68enne gravemente malato e deceduto dopo aver volontariamente rinunciato ad un trapianto di rene.

Il suo gesto per rendere disponibile l’organo, che una volta pervenuto era stato a lui assegnato, a chi riteneva fosse più bisognoso di lui.

Regolarmente dializzato l’uomo, schivo e riservato, viveva tra le montagne piemontesi dell’Ossola. In lista per un trapianto, alla chiamata dell’ospedale di Domodossola che lo informava della disponibilità del rene ha risposto con un «no, grazie».

«Sono solo, non ho famiglia. Lascio il mio posto a chi ha più bisogno di me, a chi ha figli e ha più diritto di vivere».

Carente di reni ma dotato di un grande, grandissimo cuore.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gara di App tra studenti a Perugia

Next Article

Corona: da Bin Laden a Lupin, su Twitter si scatenano gli sfottò

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.