Figuraccia ad Oxford: l’università pubblica per errore la lista dei suoi peggiori studenti

oxford

Gaffe ad Oxford: resi pubblici i risultati degli esami dei peggiori studenti – Un semplice errore nell’invio delle email. Quella che doveva essere una comunicazione interna, i risultati dei test di fine semestre e una lista contenente i 50 peggiori studenti di Oxford, è diventata invece di dominio pubblico.

A scatenare l’incidente ci ha pensato Kristiana Dahl, responsabile della segreteria dell’University College, la struttura che tra gli edifici e le facoltà di Oxford vanta la storia più longeva (esiste dal 1249). Galeotta fu il nome della mailing list, intitolata banalmente Univ., che conteneva gli indirizzi email di tutti gli iscritti al prestigioso corso accademico. A niente è valso l’invito a cancellare immediatamente l’allegato, la lista è stata subito aperta e commentata dai ragazzi, alcuni dei quali hanno minacciato di ricorrere alle autorità per lamentare la violazione della privacy.

Una vera e propria umiliazione per gli studenti iscritti ad uno dei più blasonati Atenei d’Inghilterra, dove anche la fama e la reputazione personale hanno il loro peso: basti pensare che a Oxford hanno studiato 47 premi Nobel, ma anche primi ministri, re e cardinali.

Ma quello di Oxford non è il primo caso di “problema informatico” che coinvolge un Ateneo e i suoi studenti: solo pochi mesi fa, infatti, aveva fatto molto rumore il caso dell’Università di Dresda che aveva cancellato per errore tutti i suoi 37 mila iscritti scatenando il panico tra gli studenti.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Bologna: fa discutere la pagina Facebook che segnala i prof "inaccettabili"

Next Article

Ora il pacemaker si ricarica grazie al battito del cuore

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.
Leggi di più

Balli, tutorial e meme: ecco i nonni social che sbancano Tik Tok. “Cercati dalle aziende come i veri influencer”

Gli ospiti di una residenza per anziani di Carpi, in provincia di Modena, sono diventati star del popolare social network seguitissimo dai giovanissimi. I loro video raggiungono quasi 500mila persone e stanno spingendo le aziende specializzate nella vendita di prodotti per la terza età a contattarli per avviare delle sponsorizzazioni.