Favoritismi agli specializzandi con cui passava feste e festini. Professore indagato all’Alma Mater

indagato professore serretti

Alma Mater: professore indagato – La Procura di Bologna avrebbe aperto un’indagine sul professor Alessandro Serretti, professore associato della Scuola di specializzazione di Psichiatria dell’Alma Mater. Al centro dell’inchiesta una segnalazione degli specializzandi della scuola, inviata al rettore dell’Università Ivano Dionigi e girata da quest’ultimo agli inquirenti.

Nella lettera gli studenti denunciano presunti favoritismi concessi dal prof. Serreti ad alcuni specializzandi con cui sarebbe solito frequentarsi anche al di là delle mura accademiche. I ragazzi che accompagnavano spesso il docente nei locali della movida bolognese e nei convegni in tutta Italia avrebbero ottenuto facilitazioni come turni di guardia ospedalieri più comodi e possibilmente non nel weekend, accesso alle attrezzature della scuola e a prestigiose pubblicazioni scientifiche.

Ma le accuse arrivano persino a ipotizzare frequentazioni intime tra il Professor Serretti e le sue allieve così come abuso di alcool e di stupefacenti.

Un primo esposto era stato presentato in Procura la scorsa primavera da una professoressa allarmata dai racconti delle sue allieve. In seguito gli inquirenti hanno cominciato ad ascoltare i ragazzi in merito a tale segnalazione. Un mesetto fa la lettera, sottoscritta da 25 dei 32 iscritti alla Scuola di specializzazione, in cui venivano nuovamente denunciati i presunti abusi del professor Serretti.

Il docente, per il momento, non ha voluto rilasciare dichiarazioni e lo stesso ha fatto anche il responsabile della Scuola di specializzazione Domenico Berardi, direttore di Psichiatria al Sant’Orsola.

Per il momento la Procura mantiene il massimo riserbo sulla vicenda. Anche se alcune indiscrezioni, raccolte da Il Corriere della Sera, raccontano di un professore che negli anni avrebbe fatto “figli e figliastri” all’interno dell’Ateneo, garantendo ai suoi favoriti uno status speciale.

DI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'attacco di Elena Cattaneo: "Il Paese sta morendo, si umilia la scienza e la cultura"

Next Article

Vinsero un concorso nel 2008, 210 docenti universitari scrivono al Ministro per il riconoscimento della loro funzione

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.