Fare l'insegnante è bello: lo spot del Governo inglese per reclutare nuovi docenti

“Fare l’insegnante è bello”: semplice e d’effetto, è lo spot con cui il ministero dell’istruzione inglese sta provando a convincere i giovani appena usciti dalle accademie a tentare la carriera da insegnanti.
Una vera e propria campagna di marketing, condita di spot in televisione e di slogan, il tutto per combattere la cronica mancanza di docenti, in particolari in discipline chiave come matematica, fisica, informatica, educazione fisica e geografia, che affligge il sistema d’istruzione britannico da anni.
“Bisogna creare una leva di insegnanti di talento che aiuti ogni allievo e ogni ragazzo a sentirsi valorizzato a pieno”, spiega il ministro dell’Istruzione Nicky Morgan. Per questo lo spot punta sulla bellezza dell’essere insegnanti: sulla capacità di portare innovazione, di far appassionare, scoprire, formare i ragazzi e le ragazze, di plasmare il futuro delle nuove generazioni (non a caso il titolo dello spot è: “Your future, their future”).
Un’iniziativa che mira anche a contrastare lo spreco di denaro pubblico in tema d’istruzione: data la carenza di docenti specializzati in matematica, fisica, geografia, etc. il ministero dell’istruzione inglese si trova costretto, un po’ all’italiana, a ricorrere a migliaia di supplenti, ai cui contratti va aggiunta la commissione dovuta all’agenzia che ne gestisce il reclutamento, per un esborso annuo pari a 773 milioni di sterline (circa 1,1 miliardi di euro).
Ecco qui sotto il video spot del ministero ingelse: “Your future, their future”

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 13 novembre

Next Article

Giannini: "Educazione e cultura devono essere baluardi contro il terrore"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident