Faraone a Ostuni: "Salteranno delle teste. Chi ha sbagliato deve andare a casa"

“A Ostuni salteranno delle teste perché ci sono delle responsabilità oggettive sul crollo avvenuto nella scuola Pessina”: durissimi Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione, in visita in Puglia dopo l’incidente che lo scorso 13 aprile ha causato il ferimento di due bambini. “Il problema è che i responsabili, una volta individuati, vanno mandati a casa – aggiunge faraone in un’intervista rilasciata al Gr3 – “E’ intollerabile, è inqualificabile che questa scuola fosse stata consegnata appena a gennaio e che qualche settimana dopo crolli il soffitto. Ci sarà assolutamente un responsabile che va accertato e punito”.
“Noi intanto per quello che riguarda il ministero della Pubblica istruzione accerteremo le responsabilità, dopo di che starà anche alla magistratura individuare i responsabili, perché ci sono comunque persone che hanno firmato e che hanno preso delle responsabilità rispetto ad atti che dovevano essere fatti”.
Ma il problema edilizia scolastica non si scopre oggi, anzi sta diventando una condizione con cui studenti e docenti devono confrontarsi quotidianamente: “Sicuramente negli anni non c’è stata una cura del nostro territorio, delle nostre infrastrutture – ha spiegato Faraone – oggi questo governo sta cercando di recuperare e di invertire la tendenza. Sulla la scuola stiamo investendo 3,9 miliardi. Il 22 aprile presenteremo l’anagrafe dell’edilizia scolastica, renderemo pubblico  a tutto il paese qual è la condizione dei nostri istituti. La conoscenza della situazione degli  istituti è precondizione necessaria per poter intervenire  e agire con determinazione”.
E le risorse? Possibile che i finanziamenti messi in campo dal governo Renzi siano ancora insufficienti? “I quasi 4 miliardi di euro che il nostro paese investirà nell’edilizia scolastica nei prossimi anni “sono sì una boccata di ossigeno, ma non sono sufficienti – ha confermato il sottosegretario del Miur – una stima plausibile si aggirerebbe intorno ai 12 miliardi”, ovvero il triplo di quanto stanziato al momento.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti positivi su Jobs Act: "Permettere licenziamenti facili vuol dire poter assumere di più"

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 17 aprile

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident