Studenti positivi su Jobs Act: "Permettere licenziamenti facili vuol dire poter assumere di più"

“Permettere licenziamenti facili vuol dire poter assumere di più”. Positivo, anche se a volte un po’ confuso, il giudizio degli studenti dell’Università LUISS Guido Carli, l’Ateneo romano privato di proprietà di Confindustria, a proposito del Jobs Act raccolto in occasione della visita del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.
“E’ giusto non tutelare più chi vuole il posto fisso e cominciare a premiare la meritocrazia. Un imprenditore non può continuare a pagare gente inutilmente”. Opinioni da futuri dirigenti, quelli che ogni anno mira a formare la LUISS, giunti all’incontro col Ministro Poletti proprio per discutere della riforma del lavoro messa in atto dal Governo Renzi, di cui, in molti ammettono, non sanno poi molto.
E sull’articolo 18? “Io penso che sia un falso problema l’articolo 18 – spiega uno degli intervistati – un alibi utilizzato da più parti come strumento politico più che come reale strumento per il lavoro”.
Ecco il video integrale girato da Annalisa Ausilio e pubblicato sul canale Youtube de Il Fatto Quotidiano TV

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rapporto Almalaurea: crisi economica condizionerà la vita lavorativa a migliaia di laureati

Next Article

Faraone a Ostuni: "Salteranno delle teste. Chi ha sbagliato deve andare a casa"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.