“Facebook rende l’amore più solido”

Amore-su-facebook

Non bastava lo Spotted, ora arriva una ricerca presso il dipartimento di comunicazione della Western Illinois University a confermarlo: Facebook rende l’amore più solido.

Lo studio, promosso da Christopher Carpenter, sarà pubblicato su Computers in Human Behavior il prossimo luglio, ma sono trapelate già diverse anticipazioni come comunicato in una nota dell’Università.

L’analisi ha riguardato un campione di 276 persone, che hanno risposto a questionari psicologici e sulla  propria vita personale. I risultati? Sorprendenti. È lo stesso Carpenter a spiegarli: “Chi pubblica molte foto di coppia e ‘tagga’ regolarmente il partner negli aggiornamenti di Facebook tende ad avere relazioni sentimentali più profonde e romantiche perché si tende ad assorbire più similitudini col partner e ci si sente così più legati e completi, secondo il modello psicologico di espansione del sè”.

“La volontà di crescere è la motivazione fondamentale per questo modello, si tratta di una necessità di espandere il proprio sè che deriva dallo scambio col partner nelle relazioni sentimentali. I social network sono un modo solido e concreto di farlo. Sarebbe inoltre molto complicato osservare le dinamiche dei rapporti di coppia dal vivo, invece Facebook offre una panoramica unica su molti aspetti dei rapporti, anche quando questi sono terminati da tempo perchè restano tracce nei nostri profili. Risulta utilissimo – conclude – per fare osservazioni nel tempo”.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stringere i pugni aiuta a ricordare

Next Article

Letta alla Camera: "Un piano pluriennale per la ricerca"

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".