Euromilano in tour, a Roma Tre quattro giorni di sport

1700 studenti, 50 Università, 24 Paesi, 3 giorni di gare.

Sono le prime cifre di uno degli appuntamenti sportivi universitari più importanti a livello internazionale. Martedì 13 novembre 2012, alle ore 12, presso l’aula delle lauree della facoltà di Giurisprudenza a Roma Tre, via Ostiense 159, conferenza di presentazione di “EUROMILANO IN TOUR… EURO ROMA 2012”, XII edizione di un evento che, per la prima volta, si sposta da Milano alla Capitale. La manifestazione, organizzata da Eurosportevents, prenderà avvio presso gli impianti sportivi di Roma Tre, giovedì 15 novembre 2012 per culminare con la cerimonia di chiusura di domenica 18 novembre.

Prenderanno la parola alla conferenza:

Luciano Scacchi (Dirigente Sport Roma Tre),  Elena Amato (Eurosportevents) e Alberto Tenderini (coordinatore attività sportive Roma Tre). Moderatore: Diego Mariottini (Comunicazione Sport Roma Tre).

Nei 4 impianti che ospiteranno la manifestazione (Stadio “Alfredo Berra”, Centro sportivo “Le Torri”, Centro sportivo “Oratorio San Paolo”, Pala Luiss) sono previste gare di: calcio (maschile); calcio a 5 (M/F); basket (M/F); volley (M/F); atletica leggera (M/F e mista); cheerleading (misto).

Roma Tre si appresta quindi a essere scenario e coprotagonista di una manifestazione che, come ricorda Alberto Tanghetti di Eurosportevents, “è di importanza assoluta a livello europeo ed è caratterizzata da uno spirito solidale, all’insegna del divertimento, e dalla possibilità di far giocare insieme sia campioni sia semplici studenti che

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

5000 studenti campani a rischio espulsione dopo il diploma, sono clandestini

Next Article

Del Piero cancellato da Fifa 2013: è subito polemica

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".