Estate, attenti al melanoma. La salute in valigia

La salute in valigia.
Mare o montagna? Prima di scegliere la destinazione delle vostre vacanze iniziate a pensare a cosa mettere in valigia per proteggere la pelle. Ormai l’inverno è alle spalle e il sole inizia ad accompagnarci durante tutta la giornata. E allora ecco sei semplici regole da ricordare per non imbattersi in spiacevoli sorprese:
1 – Prima di esporvi al sole rivolgetevi a uno specialista per un check up della pelle: eseguito una volta l’anno insieme allo screening dei nei vi terrà al riparo da sgradevoli sorprese. Il dermatologo vi dirà innanzitutto che fototipo siete, quali sono le creme più indicate per voi e se avete dei nei che “meritano” di essere tenuti sotto controllo o ai quali prestare maggiore attenzione.
2 – Prendete il sole a piccole dosi e se necessario coprite la pelle con indumenti leggeri durante le ore centrali della giornate. Ricordate che la crema solare dipende molto da alcune caratteristiche personali, ma di solito una protezione da 30 a 40 può essere l’ideale. Inoltre se fate uso di pillola anticoncezionale, esponetevi al sole con maggior
cautela: i raggi solari possono provocare la comparsa di macchie.
3 – Ricordate che “abbronzatura” non deve mai far rima con “scottatura”, essa può procurare dei danni al cervello delle nostre cellule che possono essere ereditati nel tempo. Pertanto se il nostro organismo non ha la capacità di “ripararli”, gli stessi possono scatenare alla lunga la comparsa di tumori cutanei o melanomi.
4 – Occhio alle lampade solari. Per quanto di ultima generazione e controllate dovrebbero
essere evitate!
5 – In estate il sole preso in montagna può essere più aggressivo rispetto al mare, almeno che non decidiate di andare ai tropici! Quindi proteggetevi sempre la testa,
soprattutto se siete uomini e soffrite di calvizie: il sole per il cuoio capelluto non è
sicuramente un buon alleato.
6 – Non dimenticate, infine, che il sole se preso correttamente è un’ottima fonte di vitamina D, fondamentale ad esempio per la crescita dei denti. Quindi evitiamo inutili
allarmismi e concediamoci il giusto tempo all’aria aperta!
*Si ringrazia per il contributo e la consulenza Marcella Ribuffo, dermatologa presso l’Ospedale IDI di Roma

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, il medico 2030 è pure ingegnere

Next Article

Supercomputer, Bussetti: “Assegnazione sede a Italia orgoglio per nostro Paese. È iniziativa strategica”

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.