Elezioni Cnsu, UDU si conferma prima lista. Sotgiu: “Risultato straordinario”

Sono 32.700 gli studenti che hanno scelto la lista del sindacato studentesco della Cgil.

Ufficiali i risultati del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari: ben 32.700 studenti e studentesse, da tutto il paese, hanno scelto l’UDU nella scorsa tornata elettorale universitaria del 17, 18 e 19 maggio.

L’Unione degli Universitari, il sindacato studentesco della Cgil, si riconferma quindi prima lista a livello nazionale, eleggendo 9 consiglier3 ed esprimendo quindi il gruppo di maggioranza nell’organo nazionale di rappresentanza studentesca più importante. Questo risultato straordinario, l’elezione di nove consiglieri, è il frutto di un lavoro che portiamo avanti con costanza e competenza dentro gli atenei da nord a sud – dichiara Giovanni Sotgiu, coordinatore nazionale dell’UDU -. Se gli studenti e le studentesse hanno scelto di essere rappresentati dall’unico sindacato studentesco d’Italia, significa che si riconoscono in un’idea di università aperta, accessibile e gratuita”.

Gli studenti ora dovranno confrontarsi con le riforme dell’università. Prima tra tutte quella delle classi di laurea. “Siamo soddisfatt3 e ringraziamo tutt3 per il sostegno ricevuto, di gran lunga superiore a qualsiasi altra realtà di rappresentanza. Le sfide che ci attendono durante questo mandato riguardano temi cardine dell’Università pubblica, dal diritto allo studio alla riforma delle classi di laurea, la cui modifica (per come è concepita ad oggi) mina le fondamenta stesse del nostro sistema universitario. Siamo determinati a lavorare per sovvertire un sistema universitario ipercompetitivo, classista e schiavo di logiche di profitto, che non rappresenta le studentesse e gli studenti, i quali col loro voto ci affidano il mandato di costruire un sistema nuovo, libero e gratuito”.

Leggi anche:

Total
8
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità ed esame di terza media non ci saranno per gli studenti ucraini

Next Article

Maestra usa lo scotch per incollare la mascherina al viso di un bambino che non voleva indossarla

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.