E-learning al Suor Orsola di Napoli

Si è svolto il 26 maggio presso la Sala Villani dell’Università Suor Orsola Benincasa l’incontro dal tema “E-unisob: un’esperienza, prospettive future. Università, e-learning, pratiche d’uso”. Ad aprire i lavori l’assessore regionale all’Università ed alla Ricerca Scientifica Nicola Mazzocca e il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa Francesco De Sanctis.
L’incontro è stato dedicato ad un’analisi delle fasi di progettazione, erogazione e fruizione degli 11 percorsi e-learning realizzati nell’ambito del progetto E-unisob, corredata dai risultati delle attività di monitoraggio e di ricerca ad esso collegate. Gli 11 corsi e-learning hanno coinvolto all’incirca 330 studenti provenienti dai cinque comuni della Campania e selezionati, attraverso un bando pubblico, fra studenti universitari con esigenze di professionalizzazione, disoccupati od occupati con necessità di definizione di un profilo professionale, abitanti delle comunità montane e abitanti delle isole.
Sono intervenuti anche i presidi delle tre facoltà: Piero Crateri, della facoltà di Lettere, Lucio d’Alessandro, di Scienze della Formazione e Franco Fichera, di Giurisprudenza.
La responsabile di ateneo del progetto e-unisob, Ornella De Sanctis, ha affermato che il bilancio di questo primo anno di attività del progetto e-learning al Suor Orsola Benincasa è stato positivo ed ha sottolineato che “è emersa quale figura centrale quella del tutor on-line, fondamentale figura di mediazione tra docenti e discenti in grado di animare processi formativi in ambienti digitali”. Presenti anche Claudio Erba, CEO Docebo srl piattaforma per l’e-learning, Giuseppe Attanasio, responsabile Misura 3.22 della Regione Campania e Giuseppe Festinese del Comitato di monitoraggio Misura 3.22 della Regione Campania.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Scuola di Cinema chiama

Next Article

"Storie di giovani in un paese vecchio"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".