Due laureati inventano l’app “acchiappasconti”

Schermata 2013-01-22 a 16.44.54

Fioccano gli inventori di applicazioni per Apple. Questa volta segnaliamo il lavoro di due neolaureati catanesi, Giovanni Coppolino e Dario Ruggeri rispettivamente di  26 e 27 anni.

La loro app per Iphone e Ipad, “Street on Sale”, permette di conoscere in tempo reale le offerte in corso di tutte le attività commerciali presenti nella città etnea. Scaricabile gratuitamente già da dicembre, l’applicazione approvata da Apple e adottata da Confcommercio di Catania rende più vicini commercianti e consumatori.

L’utilizzo è semplice: si può decidere di consultare, per categoria merceologica, tutte le offerte in corso impostando un raggio di ricerca variabile, da un minimo di 500 metri fino a 20 chilometri. Basato su un sistema di geolocalizzazione, il dispositivo suddivide la giornata in fasce orarie con offerte, caricate dagli esercenti, che scadono ogni 4 ore così che dalla mattina alla sera l’utente può conoscere le promozioni commerciali della città

In poco più di un mese sono quasi 300 gli utenti che usufruiscono del servizio al quale per il momento partecipano circa 50 negozi.

«Per ora siamo in fase di start-up, in futuro puntiamo ad evolvere questo programma estendendoci anche sugli android», commentano gli ideatori.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro l’astensione. Gli under 30 al voto

Next Article

Il 44% della popolazione non ha altro titolo che una licenza media

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.