"Dormo a scuola: se vado a casa papà mi picchia"

Un ragazzino di 15anni ha tentato di nascondersi a scuola per evitare di tornare a casa dal padre

“Resto a scuola, dormo qui, a casa a prendere botte da mio padre non ci torno”. E’ la storia di un ragazzino di 15anni di Pomigliano D’Arco che frequenta il liceo a Marigliano. Il ragazzo all’uscita di scuola, sabato, ha lasciato lo zaino all’interno dell’Istituto edè tornato in classe invece di andar via coi compagni per tornare a casa, tentando di restare nella scuola chiusa invece di star fuori.  La cosa però è stata notata dagli agenti della Polizia Locale che hanno raggiunto il ragazzo all’interno dell’istituto e gli hanno chiesto il perché di quell’atteggiamento: lui ha spiegato, sfogandosi, che avrebbe preferito passare la notte a scuola piuttosto che andare a casa. Ciò per via delle presunte violenze del padre anche quella mattina stessa, perpetrate ai suoi danni e contro la madre. Al termine dello sfogo raccolto dalla Polizia Locale il ragazzo ha trovato il coraggio di denunciare il genitore, poco dopo alla sua denuncia si è unita anche quella della madre.
ottopagine

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

TFA sostegno V ciclo, le Università emaneranno i bandi con data presentazione domanda e tasse da pagare

Next Article

Le misure sulla scuola del decreto Milleproroghe

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.