Distrarsi al lavoro è sempre più facile

Diciamo la verità, vale durante lo studio così come al lavoro: siamo sottoposti a svariate stimolazioni alla distrazione. A cominciare dal vecchio cellulare, sempre a portata di orecchio e di vista, al nuovo smartphone che è apparecchio molto più complesso e di conseguenza, ancor più deconcentrante.

E poi mail non lavorative, social network, tablet, app oltre che i controversi open-space di cui già un’indagine condotta dall’Università di Berkelev (California) aveva messo in luce la loro fonte di tensione e di calo di rendita (a detta degli stessi dipendenti).

Secondo il Wall Street Journal l’onda della distrazione arriva ogni 3 minuti e per rimettersi in rotta se ne impiegherebbero 23.

Panico per i manager che, di contro, possono tenere in considerazione l’aumento di creatività provocato anche da navigazioni casuali sul web o distrazioni accidentali.

Basterebbe però confrontare se negli anni precedenti la rivoluzione tecnologica il rendimento era davvero maggiore e scoprire che, forse, la tecnologia gode si di questa pericolosa proprietà ma, come in tutte le cose, con saggezza e coscienza è più probabilmente portatrice di maggiore produttività.

 

G.T. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per la prima volta un italiano campione di scacchi 2.0

Next Article

Aspiranti insegnanti, per il Miur i più bravi sono stati i più giovani

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.