Diritto tra Italia e Germania

Presso il Suor Orsola Benincasa si terrà il via al XXIII Convegno/Corso intensivo di formazione italo-tedesco su “La discrezionalità del giudice. Le esperienze in Italia e Germania”.

Presso il Suor Orsola Benincasa di Napoli grazie alla partnership con la Deutsch-Italienische Juristenvereinigung (Augsburg) e l’Associazione per gli scambi culturali tra giuristi italiani e tedeschi (Roma) si terrà il via al XXIII Convegno/Corso intensivo di formazione italo-tedesco su “La discrezionalità del giudice. Le esperienze in Italia e Germania. Spunti per una comparazione funzionale all’esercizio delle professioni giuridiche“.
Presentato e cofinanziato dal MIUR nell’ambito della cooperazione interuniversitaria internazionale (Programma Cooperlink 2009-2010), il convegno che si terrà nei giorni 15 e 16 ottobre, si articolerà in tre sessioni fondamentali: teoria generale: questioni di biodiritto, diritto privato e infine diritto pubblico: il dialogo possibile tra le Corti.
Il corso/convegno è rivolto a laureandi o laureati, diplomati master e scuola di specializzazione dell’Università, ai soci degli Enti e a tutti gli operatori giuridici italiani e tedeschi. Lingue ufficiali saranno l’italiano e il tedesco ma per tutti gli interventi è prevista una traduzione simultanea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scoperta la quasiparticella racchiusa nel grafene

Next Article

Sapienza, a lezione si danno i numeri

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".